Powered by Jasper Roberts - Blog
Home Archivio Microsmeta Portal Galleria Forum Podcast Contatti
Cerca in Digital Worlds
 

English Translation

Mobile & Desktop layout

VISUALE PICCOLA? ZOOM


Risolvi con un clickComputer Clinic Roma - Assistenza remota e a domicilioAssistenza remota


Contatta il webmaster
Alex - Microsmeta


Martina - Redazione
Social Media Manager


Think different!
Molla Apple e spendi 1/3!

Apple alza ancora i prezzi?
iPhone 13 Pro No grazie!


...Passato ad Android :-)

Lavoro in Italia
Ricerca lavoro in Italia


Pertecipa a Digital Worlds

TopTecnoPodcast
CLICCA PER VEDERLI
TopPodcastITA

Scacchi,
cibo per la mente!

Russian Grandmaster
Natalia Pogonina









Ci sono 3380 persone collegate


Feed XML RSS 0.91 Microsmeta Podcast
Feed XML RSS 0.91 Feed RSS Commenti
Feed XML RSS 0.91 Feed RSS Articoli
Feed XML Atom 0.3 Feed Atom 0.3



fran├žais Visiteurs Français

english English Visitors

< agosto 2022 >
L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
       
             

Titolo
Antivirus-Firewall-VPN (9)
BarCamp (11)
Chiacchiere Varie (30)
CuriositÓ (30)
ENGLISH VERSION (1)
Fantascienza-Misteri (21)
FIBRA ADSL LTE 4G (12)
Gadgets vari (9)
Giochi intelligenti (4)
Guide Digital Worlds (11)
Hardware (17)
Internet - Web 2.0 (56)
Linux - open source (150)
macOS (34)
Microsmeta Podcast (20)
Microsoft Windows (7)
Netbook (8)
Netbook - Tablet (5)
Nuove Tecnologie (121)
PC Android (4)
PC desktop all-in-one (5)
Robotica (54)
Salute e benessere (3)
Scienza e Spazio (36)
Smart Home Amazon Google (1)
Smartphone (24)
Smartphone Android (118)
Smartphone HP Palm (3)
Smartphone iPhone (84)
Smartphone Linux (7)
Smartphone Symbian (4)
Smartphone Win (29)
Smartwatch-Wearable (1)
Social networks (13)
Software (40)
Sviluppo sostenibile (26)
Tablet (45)
Tecnologia indossabile (1)
TV e Video on-line (47)
ultrabook (1)
Universo Apple (55)
Universo Blog (4)
Universo Google (14)
Universo Microsoft (37)
Universo Podcast (16)
Version Franšais (1)
Videogiochi (23)
WiFi WiMax (4)

Catalogati per mese:

Gli interventi pi¨ cliccati

Ultimi commenti:
Ciao Stella, scusa il ritardo....
15/01/2021 @ 19:28:44
Di Alex - Microsmeta
Gentilmente qualcuno sa indica...
07/01/2021 @ 14:30:10
Di stella

Titolo
Bianco e nero (1)
Colore (12)

Le fotografie pi¨ cliccate

Titolo
Quale sistema operativo usi principalmente?

 Windows 10
 Windows 8-8.1
 Windows 7
 Windows XP
 macOS Big Sur
 macOS Catalina
 macOS Precedenti
 Linux
 iOS
 Android

Fonte: NETMARKETSHARE



Titolo
Listening
Musica legale e gratuita: Jamendo.com

Reading
Libri:
Come Internet cambierÓ la TV per sempre di Tommaso Tessarolo

Gomorra di Roberto Saviano

Ragionevoli Dubbi di Gianrico Carofiglio
Se li conosci li eviti di Marco Travaglio

Watching
Film:
The Prestige
Lettere da Hiwo Jima
Masseria delle allodole
Le vite degli altri
Mio fratello Ŕ figlio unico
DÚjÓ vu - Corsa contro il tempo
Ti amer˛ sempre
The millionaire | 8 Oscar







11/08/2022 @ 00:30:49
script eseguito in 76 ms



\\ Home Page : Articolo

HANNO SUPPORTATO DIGITAL WORLDS INVIANDO PRODOTTI DA RECENSIRE




Genepax, l'automobile ad acqua!
Di Alex (del 15/06/2008 @ 09:43:51, in Nuove Tecnologie, letto 4352 volte)

Ricordo uno spettacolo di Beppe Grillo di diverso tempo fa dove sì augurava (come provocazione assurda) che il petrolio fosse aumentato a 100 dollari al barile, perchè in questo caso i motori elettrici sarebbero divenuti convenienti economicamente. Beh, ora il petrolio costa oltre 130 dollari e la benzina come un litro di latte! I giapponesi, come al solito punta di diamante nella ricerca e sviluppo tecnologico, hanno presentato ad Osaka questa graziosissima vetturetta che funziona ad acqua!
Il motore utlizza un generatore che scompone dall'acqua idrogeno ed ossigeno per creare energia elettrica. Secondo Genepax, la principale caratteristica del nuovo sistema è che usa il "membrane electrode assembly" (MEA), che contiene un materiale capace di rompere le molecole dell'acqua in idrogeno ed ossigeno attraverso una reazione chimica.
Con il nuovo processo, la cella necessita solo di acqua ed aria, eliminando il bisogno di contenere l'idrogeno sotto alta pressione. Inoltre, la MEA non richiede speciali catalizzatori e il quantitativo richiesto di metalli rari come il platino è quasi lo stesso di quello degli altri sistemi esistenti. Il suo creatore Hirasawa ha comunque ammesso che per la commercializzazione ci vorrà un po' di tempo. E' necessaria una ulteriore fase di sviluppo e spera che per una volta ci sia collaborazione da parte delle case costruttrici e non il solito ostruzionismo per favorire l'industria del petrolio fino all' estrazione dell'ultima goccia sul pianeta. Sebbene il costo di produzione attualmente si aggira sui 18.000 dollari, potrà essere ridotto a 5.000 dollari quando si entrerà in produzione. Per i più scettici, ecco il video.

[Fonti: www.corriere.it , www.engadget.com , techon.nikkeibp.co.jp]
Articolo Articolo  Storico Storico Stampa Stampa



 
# 1
Ho visto l'articolo ieri sul tg1.. beh speriamo che le case produttrici stavolta investano seriamente su questa tecnologia.. immagino una Toyota che sviluppa contemporaneamente l'ibrido e il motore ad acqua! D'altronde sono gli asiatici che puntano su qualcosa che gli Europei e gli americani ancora sognano(presi come sono da sfornare auto sempre più belle e potenti).. l'altra casa che secondo me potrebbe smuovere qualcosa è la Tata, che con un paio d'acquisizioni ultimamente sta diventando rilevante nello scenario automobilistico.
Di  Davide T.  (inviato il 15/06/2008 @ 11:55:33)
# 2
@Davide T. ..Vedo che pure tu sei informato sull'argomento... : - ) Sì, la Tata la vedo proprio bene come costruttore, l'India sarebbe il mercato ideale (veramente, sarebbe utilissima in tutto il mondo!) . Chissà poi che fine ha fatto l'altro loro progetto, quello dell'auto con motore pneomatico dell'inventore francese. Spero non fosse solo una bolla...d'aria : - D
Di  Alex - Microsmeta  (inviato il 16/06/2008 @ 12:27:51)
# 3
Vabbè la mia seconda passione dopo la tecnologia sono i motori.. non mi tengo particolarmente informato riguardo queste nuove tecnologie, ma quando leggo cose del genere il dubbio e la voglia di approfondire vengono ;)
Questa del motore pneumatico ad esempio mi mancava..
Di  Davide T.  (inviato il 17/06/2008 @ 13:45:60)
# 4
Ragazzi: non pensando non si arriva da nessuna parte. LA prima cosa a cui si deve pensare quando si leggono queste cose è: "è possibile?". Allora ci si rende conto che BabboNatale non può esistere perchè per visitare tutte le case dei bimbi buoni e cattivi in 24 ore dovrebbe viaggiare fra una e l'altra a velocità vicine a quelle della luce e le sue renne prenderebbero fuoco per il contatto con l'atmosfera. Ovviamente e come dovrebbe sapere chiunque a scuola abbia fatto qualcosa di più che mangiare merendine e appiccicare gomme masticate sotto il banco l'energia non si crea dal nulla: si può ottenere solo estraendola da qualcosa che ne possieda. Per esempio da un masso che si trovi in alto, facendolo rotolare, o per via chimica da composti che abbiano molta energia (stiano "in alto") trasformandoli in qualcosa che abbiano meno energia, siano quindi più stabili (stiano "più in basso"). L'acqua è uno dei composti più stabili che esistano ed è per questo che gli elementi che la compongono (idrogeno e ossigeno) cedono tanta energia quando reagiscono fra loro. Proprio per questo l'acqua è "bassissima" e da essa non può essere estratta ulteriore energia. Nello stesso modo in cui il legno brucia, ma la cenere no, è già bruciata e un fiume dai monti scende verso la pianura fino al mare, dal mare l'acqua non risale senza che io "paghi" energia. Qualsiasi sistema che rompa acqua in componenti che hanno più energia dell'acqua stessa, DEVE, fornirle energia, maggiore o uguale di di quanta i componenti rendano quando sono rimessi insieme a formare acqua.
Ma poi il "mitico brevetto" fa acqua da tutte le parti: se esistesse la bacchetta magica per rompere l'acqua senza spendere energia (far salire un masso senza spendere lavoro) poi potrei ribruciarla ottenendo energia: perchè mai dovrei mettere dell'altra acqua nel serbatoio? Perchè ma
Di  Paolo  (inviato il 22/06/2008 @ 19:53:20)
# 5
continuo....
Perchè mai 90 km con un litro e non 900.000.000? Vi pare?

L'unico modo per estrarre energia dall'acqua sarebbe una reazione di fusione nucleare, usandone la componente pesante (D2O e HDO), purtroppo questo non si riesce ancora a fare in modo controllato ne a caldo (milioni di gradi nei reattori nucleari sperimentali di tipo Tokamak) nè, tanto meno a freddo: tale reazione può essere ottenuta grazie ai muoni (che per essere prodotti costano di più dell'energia di quanta poi permettano di ottenerne) ma non vi sono prove che sia possibile in modi energeticamente favorevoli. L'unica reazione di fusione "controllata" che conosciamo è quella che alimenta le stelle. L'unica che sappiamo fare qui sulla terra è la bomba H. Consiglio di dare una ripassata al sussidiario di quinta elementare e se non bastasse il primo capitolo di qualsiasi libro di chimica per le scuole
Di  Paolo continua...  (inviato il 22/06/2008 @ 19:55:50)
# 6
Grazie Paolo, il tuo ragionamento non fa una piega. Ma com'è possibile che una notizia completamente priva di fondamento abbia fatto il giro del mondo e sia stata riportata dai principali telegiornali e quotidiani senza la dovuta verifica di un fisico?
Di  Alex - Microsmeta  (inviato il 23/06/2008 @ 80:84:2)
# 7
Alex: la risposta alla tua domanda non è semplice e probabilmente ha a che fare con la brutta abitudine di noi ricercatori a stare arroccati nella torre eburnea e non confondersi con il "popolino". Una sciocchezza così è tanto grossa che nessuno si è dato disturbo a confutarla, immaginando che chiunque sia in grado di vedere che è impossibile. Evidentemente e purtroppo, invece, quuesto non è ovvio per tutti. Se ci abituassimo ad essere più vicini alla gente e più generosi ne trarremmo vantaggi per primi.
Di  Paolo  (inviato il 23/06/2008 @ 20:12:13)
Antispam: Scrivi la parola descritta (in minuscolo):
Lo producono le api.
Testo (max 1000 caratteri)
Nome
e-Mail / Link


Disclaimer
L'indirizzo IP del mittente viene registrato, in ogni caso si raccomanda la buona educazione.