\\ Home Page : Articolo : Stampa
Rilasciato Microsoft Internet Explorer 8 beta 2
Di Alex (del 29/08/2008 @ 17:18:45, in Internet - Web 2.0, letto 2823 volte)

Con un bel pò di ritardo rispetto al rilascio del concorrente Firefox 3.0, è stata appena presentata la nuova release beta 2 che, a differenza della prima, non è riservata ai soli addetti ai lavori, ma ad un pubblico di curiosi più vasto. L'elemento caratterizzante di IE8 è sicuramente la privacy. Sono stati infatti inserite 2 nuove modalità: "InPrivate blocking" che consente agli utenti di impedire a siti visitati di accedere alle proprie informazioni di navigazione; più che alla tutela dei dati personali, questa opzione sembra mirata a mettere i bastoni fra le ruote alle società che vivono di advertising, prima fra tutte ovviamente Google. Infatti, senza poter utilzzare le informazioni anonime di navigazione, non è possibile vendere pubblicità contestualizzate alle ricerche e perfettamente mirate alle esigenze del navigatore. La seconda funzione "InPrivate Browsing" consente invece di cancellare dal proprio computer, terminata la propria sessione di navigazione e chiuso il programma, tutte le informazioni personali, dalla cronologia dei siti visitati alla cache che contiene tra le altre cose immagini e video, ai cookies che memorizzano le proprie preferenze. Gli altri aspetti sui quali sono intervenuti gli sviluppatori non sono altrettanto importanti: restyling grafico, (ma è molto simile al predecessore) , navigazione più rapida, migliorata barra degli indirizzi (con un sistema di memorizzazione dei links visitati che ricorda da vicino Firefox) , possibilità di fare ricerche "visuali" (con risultati non limitati al testo) direttamente dal browser. Basteranno queste modifiche a garantirgli un recupero su Firefox e Safari? Secondo i dati di Net Applications di luglio, Internet Explorer è utilizzato dal 73% degli internauti, mentre Firefox è usato oggi dal 19% (terzo Safari Apple con il 6%). L'anno scorso Explorer aveva il 79% del mercato, mentre Firefox e Safari si attestavano rispettivamente al 15% e al 4%. Una crescita limitata ma costante dei browser alternativi!