\\ Home Page : Articolo : Stampa
Da oggi disponibile FreeRunner, il telefonino davvero "open" basato su Linux
Di Alex (del 07/07/2008 @ 17:25:01, in Smartphone Linux, letto 4167 volte)

[Agg. 08/07/08] Analisi dell'interfaccia grafica!

Anticipando di 4 giorni il lancio mondiale dell' iPhone 3G, OpenMoko dopo il primo cellulare Neo1973, ha reso disponibile ad un prezzo di 399 dollari (254 Euro) la nuova versione completamente open source: non solo si potrà sviluppare il proprio firmware , gli hacker più in gamba potranno modificarlo addirittura con hardware personalizzato. Ma vediamo le caratteristiche di FreeRunner: cellulare triband Gsm/Gprs (NB: con l'abbonamento dati da 1 Giga mensile a 30 Euro dei nostri cari operatori telefonici, l'UMTS per molti di noi, me compreso ; - ), è ancora una chimera...) . Spero in nuove tariffe più umane, come annunciato oggi da 3 per settembre. ...Nel frattempo godiamoci il Wi-Fi 802.11b/g GRATIS che FreeRunner include . Continuando con le specifiche: microprocessore Arm9 a 400 MHz , Bluetooth 2.0 ed A-Gps . Dispone di 128 Mbyte di Wsdram, accompagnati da 256 Mbyte di memoria Nand Flash, accelerometro e slot di espansione MiniSd, display touchscreen da 2,8 pollici con una risoluzione di 640 x 480 pixel (da notare che quella dell'iPhone è 480x320) e pesa, con batteria, circa 185 grammi. Ma la cosa che lo rende particolarmente interessante è il software: un sistema operativo completamente aperto, gratuito e basato su Linux. Proprio gli utilizzatori del sistema del pinguino, infatti, saranno i destinatari coccolatissimi per i quali è stato pensato FreeRunner. Il software di base permette di effettuare chiamate, inviare Sms e salvare i contatti, ma periodicamente - a partire dal prossimo mese - verranno rilasciati degli aggiornamenti per poter sfruttare completamente la piattaforma hardware. Inoltre sarà possibile sviluppare e installare firmware personalizzati per aggiugere applicazioni particolari. ...E non finisce qui! Saranno rilasciati i file Cad sotto licenza Creative Commons, cosicchè sarà possibile realizzare degli chassis con design alternativi. Per quanto riguarda l'hardware, OpenMoko conferma che gli utenti potranno smontare il telefonino fino ad accedere ai circuiti elettronici, acquistando direttamente dalla casa madre gli strumenti adatti per aprire facilmente il dispositivo. Non vedo l'ora di ascoltare un futuro episodio di Tecnica Arcana con Carlo e Debora (esperta in hardware open source!) che ci presenteranno nel dettaglio questo nuovo prodotto rivoluzionario!