\\ Home Page : Articolo : Stampa
Westworld 2016, remake del mitico Il mondo dei robot del 1973 di Crichton, reggerà il confronto?
Di Alex (del 23/11/2016 @ 10:33:28, in Fantascienza-Misteri, letto 7413 volte)

La serie TV HBO con Anthony Hopkins ed Ed Harris

Aggiornamento 23 novembre (no spoiler) - La storia procede e resta ancora vedibile solo grazie alla bravura di Anthony Hopkins e qualche altro attore, ma della trama e delle atmosfere dell'originale di Crichton purtroppo non resta nulla! A volte sembra di vedere un western qualsiasi, coi presunti robot che interagiscono tra di loro incuranti degli ospiti del parco, piuttosto che una serie di fantascienza con effetti speciali all'avanguardia.. Trovo decisamente meglio Humans 2 trasmesso in contemporanea da Channel 4, per gli appassionati di nuove tecnologie.

Aggiornamento 17 ottobre (no spoiler) - Fortunatamente la 3^ puntata (già trasmessa negli USA) è stata molto più appassionante, con dialoghi intriganti sull'intelligenza artificiale, che sconfinano nella filosofia, fra i due scienziati e fra loro ed i robot (ricordano guarda caso Blade Runner..) : - ) Meno violenza e discreti effetti speciali relativi agli androidi che finora non s'erano visti! Può essere quindi che la serie crescerà piano piano per non rivelare subito tutti gli atout e potrebbe riservarci altre piacevoli sorprese. Stay tuned quindi con questa recensione "in progress" !

Articolo originale

Le prime due puntate non mi hanno convinto, anche se potrei ricredermi vedendo le prossime e in tal caso aggiornerò questa recensione. Lo stesso sottotitolo "dove tutto è concesso", dimostra che gli autori hanno voluto incentrare la storia più sui bassi istinti umani liberati in un parco divertimenti per ricconi, che sulle meraviglie che l'evoluzione robotica potrebbe consentire, come è successo in 40 anni con i personal computer..

Tanta violenza gratuita, sesso ed effetti speciali che non brillano neanche se confrontati con quelli di 43 anni fa! Finora si sono visti solo anonimi scheletri di plastica bianca con pochissimi dettagli tecnologici, che invece caratterizzavano gli androidi della pellicola di Crichton che faceva largo uso di inquadrature ravvicinate di schede elettroniche (quando praticamente ancora non esistevano: il primo computer Apple è del 1976!) , arti robotici rivestiti in lattice e silicone e mainframe giganteschi per controllarli. Sembra addirittura che abbiano potuto contare solo su un budget limitato, perchè anche le ambientazioni sono state ridotte da tre (Far West, medioevo e Roma) alla sola prima. Tutta la scenografia è scura e cupa, ma più che per creare ansia, come nella spendida pellicola originale [clip] , i maliziosi potrebbero pensare: per nascondere dettagli realizzati a costi stracciati. A mio avviso sono state tradite le intenzioni dell' autore-regista Crichton, che focalizzava l'attenzione dello spettatore sulle meraviglie del parco e sulla difficoltà di controllare tecnologie così sofisticate, piuttosto che su episodi scabrosi di stupri e crudeltà varie su robot incapaci pure di difendersi dagli esseri umani (prima legge della robotica ideata da Asimov) rendendo le sanguinarie azioni dei pistoleri addirittura grottesche! Persa l'occasione per mostrare quanto la robotica sia migliorata, potendo oltretutto contare sugli ottimi effetti digitali cui dispongono i registi oggi.


La pellicola originale del 1973 con Yul Brynner

Anche se la critica americana di Rotten Tomatoes è stata generalmente positiva, non mancano recensioni negative come quella di Michelle Alexandria, che sottoscrivo pienamente. Dopo tanta attesa, sono abbastanza deluso da questa versione di Nolan e JJ Abrams. E voi che ne pensate? Dite la vostra nei commenti qui sotto!



Se ti appassionano i robot, potrebbe anche interessarti:

Gli Humans, robot antropomorfi sono tornati per conquistare il mondo!